• 250870 iscritti di cui 5 online

    Adolescenti arrabbiati: ma che cosa hanno in testa?

    Teenager aggressivi, oppositivi, in continuo contrasto con i genitori? C’è qualcosa che non va nella loro testa spesso pensano, disperati, i genitori. La realtà non è forse così lontana.
    Almeno è quanto sostengono gli autori di un recente studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, secondo i quali i ragazzi “perennemente arrabbiati” presenterebbero una morfologia cerebrale significativamente diversa rispetto a quella dei coetanei “più tranquilli”.

    I ricercatori australiani hanno infatti analizzato e registrato l’attività cerebrale di 137 adolescenti alle prese con un tipico e acceso diverbio familiare su temi come compiti, orari, utilizzo di Internet e del cellulare. “Quello che abbiamo riscontrato", afferma Nicholas Allen, dell’Università di Melbourne, "è una stretta relazione tra dimensioni e struttura di alcune parti del cervello e modalità di reazione dei ragazzi. Le zone del cervello, come amigdala e corteccia prefrontale, coinvolte nelle risposte emotive e nell’impulsività sono risultate infatti molto più sviluppate in alcuni adolescenti. In questi casi le emozioni sembravano fluire più velocemente, senza che le barriere di controllo avessero il tempo di agire”.

    Un problema biologico-strutturale più che comportamentale e legato all’ambiente? Forse entrambi. “Il contesto familiare e il rapporto genitore-figlio possono, infatti, avere ripercussioni sul delicato equilibrio biochimico dell’adolescenza”, concludono gli studiosi.

    Fonte: Allen NB, Whittle S, Yap M, et al. Prefrontal and amygdala volumes are related to adolescents' affective behaviors during parent–adolescent interactions. PNAS published online February 25, 2008; 10.1073/pnas.0709815105.
    http://it.health.yahoo.net/

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente