• Unisciti ai 250949 iscritti

    Adolescenti sui blog: una realtà migliore del previsto

    Cosa scrivono gli adolescenti sui blog e quali argomenti affrontano nelle loro discussioni? È questa la domanda che attanaglia molti genitori, ancora convinti che internet rappresenti un luogo di perdizione per i figli in cui si parla solo di sesso, droga e satanismo. La realtà, invece, appare alquanto diversa, come dimostrato da un’ampia ricerca condotta negli Stati Uniti e pubblicata sulla rivista Child and Adolescent Social Work Journal.

    Un’analisi condotta da ricercatori della Ohio State University su 100 iscritti alla nota piattaforma blog statunitense Xanga.com con età compresa tra i 13 e i 18 anni ha dimostrato che, in genere, gli adolescenti tendono a parlare dei loro problemi e dei loro hobby, affrontando solo raramente questioni “vietate ai minori”.

    In particolare, analizzando tutti i post e le discussioni affrontate dal campione di adolescenti, l’autore dello studio Dawn Anderson-Butcher e i colleghi hanno concluso che solo nel 6% dei casi i giovani facevano riferimento uso di alcol o droghe, nell’8% dichiaravano di aver “marinato” la scuola e nell’1% dei post si affrontava l’argomento sesso. In tutti gli altri casi, le conversazioni e i post degli adolescenti erano centrati sui problemi scolastici o familiari, sui videogame o altri hobby.

    “I genitori sono spesso molto preoccupati che i loro figli facciano cose su internet che possono essere negative o dannose”, ha dichiarato Jeffrey Hall, professore di Comunicazione presso la University of Kansas. “Ma lo studio sottolinea come gli adolescenti su internet ricorrono a cose mondane, come cercare supporto sociale, fare amicizie, condividere esperienze sociali e comunicare con persone che già conoscono”, conclude Jeffrey Hall.

    Fonte: Anderson-Butcher D et al. Adolescent Weblog Use: Risky or Protective? Child and Adolescent Social Work Journal 2010; 27(1). DOI: 10.1007/s10560-010-0193-x
    http://it.health.yahoo.net/c_news.asp?id=27915

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente