• Unisciti ai 250949 iscritti

    Bullismo e molestie sessuali a scuola: a rischio i più deboli

    Il 52 per cento dei ragazzi dichiara di subire atti di bullismo a scuola; tra questi il 35 per cento ha dichiarato di aver subito molestie sessuali da parte dei compagni e il 32 per cento ha affermato di essere stato vittima sia di atti di bullismo che di molestie sessuali. Questi i risultati di un'intervista condotta in 522 istituti americani tra ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 18 anni. Un gruppo di psicologi ha valutato l'incidenza di questi fenomeni nelle scuole e come essi influenzano la serenità, l'equilibro e la salute degli adolescenti.

    I risultati del loro lavoro sono stati pubblicati sull'ultimo numero della rivista Sex Roles. I dati sono sorprendenti perché sottolineano che gli episodi di prevaricazione nelle aule scolastiche tra compagni non sono da annoverarsi tra gli eventi eccezionali, ma tra quelli quotidiani. Inoltre, la ricerca ha chiaramente dimostrato che i ragazzi o le ragazze che maggiormente sono oggetto di scherno e violenza sono i più deboli: i più poveri, i portatori di handicap fisici o mentali. Anche le minoranze sono degli obiettivi prediletti, in particolare quelle etniche e i ragazzi e le ragazze omosessuali. "Oltre a fenomeni di bullismo, la nostra ricerca ha evidenziato un aumento delle molestie sessuali.

    Molti dei ragazzi che abbiamo intervistato, ad anni di distanza, continuano a vivere sopraffatti dal senso di inadeguatezza, si sentono in colpa pur essendo le vittime di atti ingiustificabili. Questi ragazzi porteranno dietro un grosso bagaglio di sofferenza e avranno bisogno di aiuto. Nelle nostre scuole occorre maggiore attenzione a questi temi e la figura di uno specialista interno si fa sempre più necessaria", hanno dichiarato gli autori dello studio.

    Fonte: Gruber JE, Fineran S. Comparing the impact of bullying and sexual harassment victimization on the mental and physical health of adolescents. Sex Roles 2008; (DOI 10.1007/s11199-008-9431-5)
    http://it.notizie.yahoo.com/

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente