• 250946 iscritti di cui 7 online

    Corso sulla psicologia del benessere: il racconto dell’esperienza formativa

    Lo psicologo che intenda accompagnare la persona in un percorso che conduca alla condizione di benessere può avvalersi di molti strumenti; il corso organizzato da Obiettivo Psicologia e svoltosi a Roma nel maggio scorso è stata occasione di riflessione sul concetto di salute psicofisica, una condizione di benessere globale che derivi dalla sintonia tra il corpo e la mente. 
     
    Attraverso le tecniche di rilassamento, induttive ed immaginative, l’individuo, così meravigliosamente ricco delle proprie risorse interiori, ha potuto fare esperienza di sé stesso e divenire il vero strumento in un percorso di conquista di una condizione di egosintonia: durante le attivazioni i partecipanti sono stati condotti a rivolgere lo sguardo su di sé, raggiungendo uno stato di consapevolezza che ha consentito di ristabilire un sano contatto tra mente e corpo. 
     
    Cura ed attenzione particolari sono state dedicate al setting, strutturato in modo da consentire ad un gruppo numeroso di sperimentare le tecniche, che richiedono un notevole dispendio di energie, in uno spazio ampio, confortevole e sufficientemente isolato da un punto di vista sonoro; varie fonti di illuminazione sono state predisposte al fine di adeguare la luce ai diversi momenti di lavoro e sono stati messi a disposizione dei partecipanti teli e plaid per far fronte alle esigenze climatiche di ciascuno, accertandosi inoltre che l’ambiente fosse sufficientemente areato.
     
    Sono stati utilizzati tappeti musicali, ideali per favorire lo stato di rilassamento, attutire i rumori e consentire l’emergere delle emozioni, ed inoltre strumenti sonori quali le campane tibetane ed il bastone della pioggia, grazie ai quali vengono scanditi i tempi ed i movimenti nel corso delle varie esperienze psicocorporee.
    È stato infine richiesto ai partecipanti di indossare abiti comodi e di togliere le scarpe, al fine di rendere il corpo libero da costrizioni nell’esecuzione dei movimenti.
     
    Ogni fase del lavoro psicocorporeo ha richiesto una preliminare fase di ingresso o centratura, fondamentale per far sì che la persona allontani da sé gli stimoli esterni e si ponga in contatto con il proprio mondo interiore.
    Per favorire questo momento sono utili alcune attivazioni rituali di centratura: la voce del conduttore guida la persona a rivolgere l’attenzione al proprio stato interiore ed a prepararsi al lavoro in modo consapevole, comunicando infine agli altri, attraverso una gestualità condivisa, la propria predisposizione ad iniziare a sperimentare le tecniche corporee. 

    Ciascuno dei partecipanti è stato indirizzato a rispettare i propri tempi ed a collocarsi nel proprio spazio per realizzare un dono di attenzione alle proprie esigenze, desideri e necessità ed effettuare il passaggio fondamentale dalla dimensione quotidiana a quella riflessiva. 

    La Respirazione, funzione primaria da cui dipendono tutte le altre funzioni organiche, è stata oggetto di cura ed attenzione, poiché rappresenta un momento basilare da cui far partire il lavoro, ma anche una potente fonte di informazioni: la respirazione naturale è espressione dello stato in cui la persona si trova in un determinato momento, ed ogni mutamento dell’atto respiratorio è un importante indicatore rispetto ad emozioni e stati d’animo che ne influenzano il ritmo e l’intensità.

    La conduzione degli esercizi ha fatto sì che ciascuno potesse mettersi in contatto con il proprio respiro e divenire cosciente della propria respirazione naturale, non inducendone il cambiamento, bensì aiutando la persona ad indagarne i vari momenti.

    L’osservazione del respiro è per molti un’esperienza totalmente nuova, che coinvolge semplicemente all’ascolto dell’atto respiratorio, in particolare del canale/i di immissione usato/i, del canale/i di emissione usato/i, delle 4 fasi della respirazione, della velocità ed infine del movimento e della localizzazione interna del respiro.


    I partecipanti al corso hanno in seguito fatto esperienza di alcune Tecniche di Rilassamento, che assumono un significato personale per ciascun individuo; è importante infatti tenere in considerazione che il rilassamento corporeo può costituire un obiettivo auspicabile per coloro che soffrono di ansia e panico, ed al contrario un obiettivo difficile da raggiungere per coloro che mantengono un alto livello di vigilanza ed hanno difficoltà a lasciarsi andare. 

    Il Metodo Jacobson, che si basa sulla contrazione e decontrazione volontaria dei vari distretti muscolari, ad esempio, appare particolarmente indicato per le persone che tendono a non perdere il controllo e ad abbandonarsi; la tecnica consiste infatti nell’alternanza della massima tensione del muscolo a cui segue il suo immediato rilassamento, consentendo alla mente di acquisire consapevolezza delle sensazioni corporee e delle emozioni che ne derivano.   

    La tecnica del Rilassamento Frazionato è stata Ideata da Oskar Vogt ed ha lo scopo di guidare la persona a portare l’attenzione ai singoli distretti corporei, favorendone il progressivo rilassamento. I partecipanti al corso hanno potuto in questo caso sperimentare una tecnica immaginativa, che consente di visualizzare i singoli fasci muscolari, percependone le sensazioni. 

    Il Body Scanner si differenzia dal rilassamento frazionato poiché non induce il rilassamento tramite l’attenzione alla muscolatura, ma permette di procedere, partendo dalle estremità, ad una scansione dei distretti corporei e delle percezioni che ne derivano, consentendo l’acquisizione della consapevolezza del proprio corpo. 

    Il 
    Training Autogeno è invece un esercizio o allenamento (Training) che, con la pratica, genera da sé (autogeno) la cosiddetta commutazione autogena, un cambiamento psicofisico globale che produce modificazioni fisiologiche e psichiche; si tratta dunque non solo di una tecnica di rilassamento, bensì un primo momento di un percorso globale che può aiutare la persona a sciogliere le tensioni e migliorare le proprie performance. 

    È molto importante che prima di iniziare l’allenamento vengano effettuati gli esercizi di apertura, per consentire alla persona di raggiungere gradualmente lo stato di calma e passività, e alla fine del training gli esercizi di ripresa, grazia ai quali si può ripristinare in modo calmo e confortevole lo stato di veglia.

    L’allenamento può essere effettuato nella posizione supina, seduta o “del cocchiere”, e consta di 2 esercizi fondamentali, che fanno focusing sul peso e sul calore ed implicano il coinvolgimento dei vari distretti corporei di, e di 4 esercizi complementari, che portano l’attenzione sul cuore, sul respiro, sul plesso solare e sulla fronte e sono mirati si specifici organi. 

    Durante il corso sono stati presentati infine degli esercizi mutuati dalla Bioenergetica, molto utili per effettuare un lavoro sulle tensioni corporee; attraverso il Radicamento è possibile aumentare la percezione del corpo che poggia sul terreno, definendosi in una posizione di equilibrio; il Grounding è una postura corporea che consente al corpo di lasciar fluire i sentimenti; l’Arco è una posizione attraverso la quale è possibile percepire contrazioni e tensioni che interessano il corpo, il Bend Over vede infine il corpo proteso in avanti con il peso sugli avampiedi e consente di percepire carica ed energia.
     
    Il corso "Lavorare come psicologo del benessere. Tecniche di rilassamento, induttive e immaginative" proposto da Obiettivo Psicologia è stato pensato come possibilità per i professionisti per imparare tecniche che mettono al centro la persona, un’occasione di ricerca di una condizione di benessere che può nascere dall’ascolto delle funzioni del nostro corpo e dal riconoscimento delle emozioni che ne derivano. 

    Percepire e riconoscere i segnali che il corpo ci invia si è dimostrata una capacità indispensabile affinché la persona comprenda non solo il proprio malessere, ma impari a godere di una condizione di equilibrio interiore che si elicita nella consapevolezza delle proprie risorse e capacità, come anche dei propri limiti, nel rispetto dei propri personali bisogni desideri, necessità.
      
    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente