• 250869 iscritti di cui 4 online

    Figli obesi? Terapia comportamentale per le madri

    Un modo efficace per combattere l'obesità tra i bambini potrebbe essere 'mandare in terapia' le madri. Insegnare ai bambini come alimentarsi in modo corretto è uno degli aspetti più importanti dell'educazione che madri e padri devono trasmettere ai figli. Senza genitori correttamente educati non si può sperare di avere bambini che mangino correttamente.

    Le madri, più dei padri nei primi anni di vita, si occupano della nutrizione dei figli, di cucinare e di scegliere la dieta di tutta la famiglia. Se un bambino piccolo mangia male, dunque, prima di rieducarlo è necessario educare la madre. Questo sostiene un gruppo di psicologi svizzeri in un articolo pubblicato sull'ultimo numero della rivista Psychotherapy and Psychosomatics. Gli psicologi hanno condotto lo studio su due gruppi di bambini obesi che sono stati coinvolti in un programma di rieducazione alimentare attraverso la terapia comportamentale che prevedeva anche una dieta controllata da nutrizionisti.

    In uno di questi gruppi anche le madri sono state coinvolte nella terapia. I risultati sono stati chiarissimi: per ottenere un risultato reale e duraturo sui bambini è fondamentale che siano le madri, o in ogni caso gli adulti, ad essere rieducati. Lo studio ribadisce che l'educazione alimentare si impara o disimpara prima di tutto tra le mura domestiche. La salute di una famiglia dipende molto dal modo in cui ci si nutre.

    Nelle società occidentali, dove entrambi i genitori lavorano, spesso tutta la famiglia passa poco tempo in casa e anche i pasti non vengono condivisi. Si finisce, così, per cibarsi peggio e per perdere anche il valore della socialità e dell'intimità che in una famiglia si costruisce anche a tavola.

    Fonte: Munsch S et al. Randomized controlled comparison of two cognitive behavioral therapies for obese children: mother versus mother-child cognitive behavioral therapy. Psychother Psychosom 2008; 77:235-46.
    http://it.notizie.yahoo.com/

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente