• 250849 iscritti di cui 7 online

    Gli antidepressivi non aumentano il rischio di suicidio

    Nelle settimane successive all'inizio di una cura a base di farmaci antidepressi, in generale il rischio di suicidio decresce. Lo afferma uno studio condotto dal Group Health Cooperative del Center for Health Studies, emanazione del National Institute of Mental Health, apparso questo mese su The American Journal of Psychiatry.

    La diminuzione interesserebbe in modo più marcato gli antidepresivi più recenti rispetto a quelli precedenti. Questi risultati contraddicono l?avvertimento emanato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che tempo fa aveva segnalato la possibilità di un aumento dei comportamenti suicidari nel corso di trattamento con i nuovi antidepressivi.

    Lo studio – che è il primo ad aver confrontato il rischio di suicidio prima del trattamento con quello successivo al trattamento basandosi su un numero elevato di pazienti – ha preso in esame oltre 65.000 persone alle quali erano stati prescritti antidepressivi fra il 1992 e il 2003. Secondo i ricercatori il numero di tentati suicidi da parte di adulti crolla del 60 per cento entro il primo mese dall?inizio della terapia, per declinare ulteriormente nei cinque mesi successivi. La ricerca conferma peraltro che il tasso di suicidio è decisamente più elevato fra gli adolescenti che non fra gli adulti: fra i primi si contano infatti 314 tentativi per 100.000 contro i 78 degli altri.

    Fonte: http://www.lescienze.it/

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente