• 250870 iscritti di cui 8 online

    Il partner perfetto? Si sceglie su internet, col test del Dna

    La biologia lo ripete da tempo: la bellezza, più che negli occhi di chi guarda, è più prosaicamente nell'odore fisico del potenziale partner. E per essere sicuri di non perdere quello giusto, ora ci si può rivolgere a Scientific Match, un servizio di ricerca dell'anima gemella online che sulla base del Dna suggerisce, sfruttando proprio la biologia dell'amore, il possibile compagno della vita.

    Oltre ai 995 dollari di iscrizione – vitalizia e in sconto promozionale fino a San Valentino 2009 – l'agenzia nata lo scorso dicembre e ideata dall'ingegnere Eric Holzle, con sede a Boston negli Stati Uniti, richiede un campione di saliva. Arrivato il cotton-fioc carico di Dna, uno speciale algoritmo lo mette a confronto con gli altri in archivio e sceglie le coppie che hanno più possibilità di durare sulla base della compatibilità chimica e dell'armonia olfattiva.

    Le premesse sono ambiziose: Scientific Match – il cui logo è un cuore stilizzato con in mezzo la doppia elica – promette prima di tutto un compagno dall'odore sexy, oltre ad una maggiore gratificazione sessuale, più orgasmi, meno corna, un elevato tasso di fertilità e figli più sani. Il tutto supportato da un'ampia letteratura scientifica, citata sul sito. Possibile? "La premessa scientifica è valida: più siamo diversi, meglio è anche dal punto biologico" spiega il professor Giuseppe Novelli, genetista dell'università di Tor Vergata a Roma. "Bisogna però considerare se una cosa del genere è davvero utile o non è piuttosto un modo nuovo per fare soldi. Siamo animali, certo, ma quei 20mila anni di evoluzione culturale hanno modificato di molto i nostri comportamenti: se i geni sono importanti, ambiente e cultura influiscono in modo altrettanto forte anche nella scelte amorose".

    Come ricorda il Los Angeles Times, che al tema ha dedicato un lungo servizio, per svelare le regole dell'attrazione fisica la ricerca scientifica si è concentrata negli ultimi anni su geni specifici che giocano un ruolo chiave nella selezione – a livello inconscio – del compagno o compagna.

    Maglietta sudata non mente: oltre dieci anni fa il dottor Claus Wedekind dell'Università di Berna sottopose ad un test vagamente punitivo un campione di donne che dovevano scegliere, tra le t-shirt indossate da tre giorni da uomini, quelle che odoravano in modo più sexy (o forse meno repellente).

    L'analisi successiva su una parte specifica del sistema immunitario degli uomini e delle donne che avevano partecipato al test – l'Mhc o complesso maggiore di istocompatibilità – rivelò che l'odore che piace di più appartiene alla persona con i geni dell'Mhc più diversi dai nostri. Dal punto di vista evolutivo significa privilegiare la scelta di un partner che possa garantire figli con un sistema immunitario più ricco e maggiormente in grado di resistere alle malattie.

    Scientific Match parte dallo stesso assunto, in un inedito connubio fra test genetici, amore e internet. Si rivolge soprattutto a coppie etero, anche se gli omosessuali sono i benvenuti. Escluse invece senz'appello le donne che prendono la pillola, perché il contraccettivo orale inganna il corpo imitando i sintomi di una gravidanza, e induce a preferire persone con Dna simile, come i propri familiari, che si preferisce avere accanto in quella fase.

    La chimica quindi è fondamentale, ma forse non è tutto e lo ammette anche Eric Holzle. La maglietta sudata non basta: anche su Scientific Match per capire se quel lui o lei siano davvero IL lui o LA lei di una vita servono altre indicazioni più tradizionali da incrociare con il test genetico: qualcosa come "ti piace il mare o la montagna"? "che cosa ti fa ridere"? "che aspettative hai"? "quanto guadagni"? Materiale classico da Cupid o agenzia matrimoniale. Non solo. "In queste scelte, non bisogna poi mai sottovalutare il fattore caso" conclude Novelli. Quello che spesso fa innamorare del candidato più sbagliato sulla carta. O sul cotton-fioc.

    Fonte: http://www.repubblica.it  

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente