• 250947 iscritti di cui 7 online

    In terapia? In Argentina è la norma

    Buenos Aires (CNN) – Raggomitolata in posizione fetale, Vivi Rathbon rimaneva a fissare la carta da parati dello studio del suo analista, mentre parlava.
    A volte si stendeva sulla schiena con le braccia penzoloni dal divano in pelle. Il suo terapista sedeva dietro di lei su una poltrona, fuori dalla sua vista. La porta era chiusa a chiave per la privacy.

    Questo è il modo in cui Rathbon, di Boise, Idaho, iniziò le sue sedute di psicoanalisi, quando viveva a Buenos Aires dopo il college. Andò in terapia nel 2011 perché soffriva di depressione intensa e si sentiva in colpa per aver scelto di vivere così lontano dalla sua famiglia.
    Prima di cercare aiuto, lei non sapeva che la psicoanalisi, pur vista come qualcosa di obsoleto da molti professionisti negli Stati Uniti, è un’usanza comune a Buenos Aires.

    La prima volta che è andata a dal suo terapeuta, non aveva idea del motivo per cui era lì dentro e ha trascorso le prime due settimane di terapia giacendo in silenzio.
    "E 'stato davvero imbarazzante in un primo momento", ha detto Rathbon, che si è trasferita in Argentina dopo la laurea in un mercato del lavoro molto difficile.
    "E 'molto in stile Woody Allen. Stai ferma lì, l'analista dice solo,' OK, mi parli. ' 'Parlare di cosa?' 'Qualsiasi cosa.
    'E ' una libera associazione. Devi solo parlare di ciò che ti viene in mente. Ed è in realtà molto più difficile di quanto si potrebbe pensare."
    Non solo la psicoanalisi è popolare in Argentina. Il Paese ha la particolarità di essere la patria di più psicologi pro capite che in qualsiasi altra parte del mondo. Quasi la metà degli psicologi del Paese sono concentrati nella capitale, Buenos Aires.

    I Portenos – come i residenti di Buenos Aires si definiscono – dicono che non hanno lo stesso “stigma” sulla ricerca di un trattamento per la salute mentale come gli americani. Mentre il trattamento della salute mentale negli Stati Uniti potrebbe essere visto come qualcosa da tenere segreto, è comune a Buenos Aires parlare in terapia dei propri problemi emotivi o di quello che sta succedendo.
    Andare da un terapeuta solo per motivi di lavoro potrebbe sembrare frivolo in alcune culture, ma è normale a Buenos Aires, ha detto Daniela Frankenberg, una psicologa bilingue che pratica lì.
    "Nella comunità di immigrati, vedo sempre più persone che vengono nel mio studio, e forse nel loro Paese d'origine non avrebbero mai fatto una terapia", ha detto Frankenberg. "Ecco, la sensazione è che si tratta di qualcosa che le persone fanno per sè, si danno uno spazio per farlo."

    La psicoterapia è uno strumento "non solo per curare le malattie emotive e psicologiche, ma anche per acquisire gli strumenti per sviluppare se stessi come persone, con una migliore qualità della vita", dice lo psicologo Modesto Alonso.

    Lo studio di Alonso è al nono piano di un ampio viale nel quartiere Belgrano di Buenos Aires.
    Con un contegno dolce simile a quello di un nonno, Alonso descrive lo studio più recente che lui e colleghi hanno condotto sugli psicologi in Argentina. Egli sottolinea che alcuni dati sono approssimativi, soprattutto per quanto riguarda quelli che sono a Buenos Aires, ma sono i migliori esistenti.

    Uno studio dell’ Health Organization del 2005 ha classificato l'Argentina come il leader mondiale sugli psicologi pro capite, con 106 psicologi per 100.000 persone. I numeri dell’OMS per il 2011 non comprendono il Paese, ma gli 80 su 100.000 dell’Austria sarebbero ancora nulla in confronto ai 202 psicologi per 100.000 che Alonso e colleghi hanno stimato per l'Argentina in uno studio del 2012.
    Utilizzando i dati a partire dal 2011, il suo gruppo ha dimostrato che l'Argentina ha circa 81.000 praticanti psicologi, il 46% dei quali sono a Buenos Aires. Questi numeri non includono gli psichiatri.

    In confronto, secondo l'American Psychological Association, sulla base di dati  del 2012 del Bureau of Labor Statistics, ci sono circa 33 cliniche di consulenza e psicologi scolastici per 100.000 persone negli Stati Uniti.
    Come previsto, vi sono maggiori concentrazioni di psicologi nelle aree urbane. Ciò vale anche in Argentina, a Buenos Aires.
    Sempre più studenti stanno diventando psicologi, troppi – circa 2,6 studenti stanno intraprendendo studi di psicologia, rispetto ad uno solo che si laurea.
    Uno dei prossimi laureati in psicologia è Agustina, 31 anni, che non voleva che il suo cognome fosse utilizzato, in quanto i suoi futuri pazienti potrebbero cercarla su Google.
    Ogni membro della famiglia di Agustina usufruisce di un percorso differente di terapia, ma, lei si affretta ad aggiungere: "Non è che siamo pazzi o qualcosa del genere. Nessuno ha grossi problemi."
    Lei fa terapia di gruppo, dove i partecipanti parlano dei loro problemi e un terapeuta media la discussione. Nella sua scuola, chi non è stato in terapia è visto come aberrante –  "Oh mio Dio, questa persona ha problemi," ha detto in merito a questo.

    Perché così tanti?
    Gabriel Rolon, psicoanalista di spicco che ha scritto diversi libri di successo – la nuova serie tv argentina "Historias de divano" è basata sui suoi scritti – ha detto che vede il proliferare di psicologi in Argentina come una buona notizia.
    Mentre in altri Paesi ci può essere una divisione chiara tra malattia fisica e mentale, “in Argentina una battaglia molto importante è stata vinta, dando spazio alla salute emotiva", ha detto, riconoscendo che una persona che soffre emotivamente ha bisogno di un aiuto professionale, "proprio come quando si ha dolore al ginocchio o un altro sintomo fisico."

    Nel suo ampio ufficio in casa in legno bianco, vi è una particolare sensibilità e poesia nel modo in cui Rolon spiega perché la cultura si è evoluta in questo modo: le persone che hanno formato l’Argentina sono fuggite dalla guerra, dalla fame, dalla persecuzione ideologica o religiosa. Ognuno si era lasciato qualcosa alle spalle – parenti, amici, lingua, terra – e ha portato con sé una certa tristezza e nostalgia.
    "Siamo diventati ascoltatori interessati al dolore degli altri, perché abbiamo anche bisogno di persone interessate al nostro dolore", ha detto.

    Questa teoria, ammette, può essere più poetica che reale, ma è vero che la moderna Argentina ha avuto molta influenza dall’immigrazione europea, in particolare dall’indipendenza nel 19° secolo fino al 1950, quando le restrizioni in materia di immigrazione erano serrate durante le dittature militari del Paese.
    Anche negli Stati Uniti c’era il fenomeno dell'immigrazione europea in quel periodo, e la psicoanalisi è stata "la cosa da fare" in America nel 1940, '50 e '60, ha detto Albert Brok, uno psicologo che lavora a New York ma cresciuto in Argentina.
    Solo che, questa forma di terapia si spense come una moda, in conflitto con le idee circa il pragmatismo, la volontà e l'etica del lavoro, che sono dominanti nella cultura americana.
    Molti argentini con cui ho parlato hanno convenuto che nella loro cultura le persone parlano dei loro problemi personali più apertamente che negli Stati Uniti.

    La gente in Argentina comunemente si bacia sulla guancia per dire ciao e arrivederci, e ciò esprime una sensazione di calore, anche negli uffici, come alla reception del dentista con il paziente. Parla dei sentimenti. Si siede nei caffè senza un senso di urgenza, a bere un caffè con latte con un piccolo bicchier d'acqua e a mangiare biscottini.
    Brok ha detto che gli Stati Uniti tendono ad avere una cultura più orientata verso la vergogna e l'individualismo, e un orientamento a trovare soluzioni a problemi particolari.
    L’Argentina, egli dice, è più introspettiva. Il tango argentino evoca nostalgia e auto-esplorazione, dice Frankenberg.
    La lentezza della psicoanalisi, in particolare, può renderla poco attraente in altre culture, dice Rolon. Nessun analista può garantire un risultato in sei mesi, e la terapia va avanti finché continua ad essere considerata utile dal paziente e dall’analista. Rolon è in terapia psicoanalitica da 25 anni.
    "Un paziente arriva a causa di un problema. E quando questo problema è stato risolto, si rende conto che vuole continuare a lavorare su altri problemi. Nell'analisi questo è consentito," ha detto."In altri tipi di terapia, quando un problema viene risolto, il lavoro è finito."

    Fondamenti di psicoanalisi

    La zona intorno a Plaza Guemes è soprannominata "Villa Freud", a causa della concentrazione di psicologi. Frankenberg dice che ha senso per molti professionisti avere uffici lì perché è "molto sicuro, bello e commerciale", e facilmente accessibile.

    Nella finestra della Libreria Legenda, una libreria in una strada secondaria nei pressi di Plaza Guemes, tre libri erano allineati insieme tra titoli storici e filosofici: Scritti di Jacques Lacan, un libro sui casi famosi di psicosi e gli scritti sulla psicoanalisi di Freud e Lacan.
    Probabilmente avete sentito parlare di Freud, forse più noto per le sue convinzioni che tutti i comportamenti sono riconducibili a diverse fasi di sviluppo psicosessuale, e che la psiche umana ha componenti chiamati Es, Io e Super-Io. Egli ha sostenuto che l'inconscio ha un ruolo fondamentale nella formazione del concetto di sé.
    Lacan è più oscuro in America, ma ha avuto influenza nel pensiero europeo sulla psiche e si è fatto strada anche in Argentina.
    Tra i contributi di Lacan c’è lo "stadio dello specchio", l'idea che quando i bambini vedono se stessi in uno specchio, li conduce a produrre un senso di sé o di "io". Ma questa immagine "io" è anche un po’ falsa – è simmetricamente invertita e scollegata dal corpo reale del bambino, osserva Joel Dor in "Introduzione alla lettura di Lacan: L'inconscio è strutturato come un linguaggio."
    Se il nostro senso di sé si basa su un'illusione, allora, è molto diverso dall’ideale americano dell'individualismo.
    "La psicoanalisi non è solo capire la volontà, ma anche l'esperienza inconscia", dice Brok.

    I fondamenti della teoria psicoanalitica sono ancora importanti secondo Rolon. La sessualità è importante nella struttura della psiche. Esiste un inconscio. Vi è anche ciò che Freud chiama "pulsione di morte", una forza autodistruttiva che Rolon descrive come relativa al perché le persone fanno sempre gli stessi errori. L'infanzia è importante – la personalità si sviluppa entro i primi sei o sette anni di vita – ma non è la cosa principale di cui pazienti discutono.
    "Si racconta come è il lavoro, se si ha un rapporto, cosa preoccupa, perché si è venuti in analisi, perché si è tristi o preoccupati," ha detto. Si parla dell’oggi."
     
    Al di là di Freud
    Né Rolon né la maggior parte di altri psicoanalisti oggi stanno cercando di replicare esattamente la psicoanalisi di Freud.
    "Penso che ciò che cambia è la necessità di adattarla alle condizioni della cultura da cui i pazienti provengono", ha detto Rolon. "La cultura in cui una persona vive ha molta influenza su ciò che gli accade. E quando cambia la cultura e le regole culturali cambiano, necessariamente questo introduce un cambiamento nella nostra pratica."

    Non tutti i terapeuti di Buenos Aires sono psicoanalisti, ovviamente – è possibile trovare terapeuti cognitivi e comportamentali, così come le altre scuole di pensiero.
    C'è anche una questione finanziaria che rende la psicoanalisi moderna diversa. Tradizionalmente, i pazienti in psicoanalisi dovrebbero fare cinque sedute a settimana, ma nella società moderna è costoso e poco pratico. Oggi la maggior parte delle persone potrebbe fare una o due sedute settimanali. "Più di tre – nessuno", dice Rolon.
    Una seduta di psicoterapia può variare tra 50 e 500 pesos (circa $ 10 a $ 100), dice Alonso.
    Anche se può ancora essere più costosa, a seconda di chi è il terapeuta, Frankenberg dice che la sanità mentale in generale a Buenos Aires è accessibile non solo all’elite. I piani assicurativi coprono un certo numero di sessioni per alcuni terapeuti che li accettano; alcuni piani offrono un rimborso parziale.
    Proprio come negli Stati Uniti, gli psicologi non possono prescrivere farmaci. I terapisti con cui ho parlato hanno detto che, a loro avviso, i terapisti argentini sono meno orientati verso i farmaci.

    Andare e venire
    Ogni psicologo ha la propria storia di vita. Rolon è cresciuto in una famiglia povera, suo padre era un operaio edile e sua madre ha fatto la cuoca quando avevano bisogno di più soldi. I suoi genitori lo incoraggiarono a studiare sodo in modo che potesse condurre una vita migliore. Oggi, lui è una celebrità in psicologia.

    "Penso che una grande parte del mio bisogno di ascoltare … ha a che fare con le cose che ho visto quando ero molto giovane," ha detto.
    La scelta delle parole è molto importante nella psicoanalisi, spiega. Egli ha dovuto adattarsi ai pazienti provenienti da paesi di lingua spagnola che utilizzano idiomi diversi, parole e giri di parole.

    Durante i suoi due anni di terapia psicoanalitica, Rathbon ha imparato ad essere paziente e ad apportare modifiche "un giorno alla volta."
    Ha lavorato come cacciatrice di teste a Buenos Aires e ha gestito un sito sull’ essere espatriato. Nel mese di gennaio, ha deciso che era ora di tornare a casa a Idaho.

    Dire addio al suo terapeuta a Buenos Aires non è stato facile. "Il tuo analista è nella tua testa. Come si fa a dirgli che senti di aver finito?" si chiese. "Gli ho detto che cambiavo casa e ho pensato che fosse un buon punto di rottura. E 'stato difficile, è stato emozionante, ma ha capito."


    Articolo scritto da Elizabeth Landau, tratto da: http://edition.cnn.com/

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente