• 250949 iscritti di cui 4 online

    Le vittime di bullismo hanno più probabilità di finire in prigione

    Ci si aspetterebbe che i bambini con comportamenti tipici del “bullismo”, crescendo, finiscano nei guai con la legge.
    Ma in realtà i bambini che sono costantemente vittime di bullismo hanno maggiori probabilità di entrare in conflitto con la legge e di essere arrestati e imprigionati da adulti.

    Quasi il 14% delle persone che ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo ripetutamente durante l'infanzia e l'adolescenza è stato in prigione, rispetto al 6% che non è mai stato vittima di bullismo, secondo una ricerca americana.
    Le donne che sono state continuativamente vittime di bullismo prima dei 18 anni hanno mostrato una maggiore propensione ad usare alcool o droghe rispetto agli uomini, oltre ad una maggiore probabilità di essere arrestate e incarcerate.

    Secondo i dati basati sull’osservazione di 7335 persone tra i 12 ei 16 anni, facenti parte del Nazional Longitudinal Survey of Youth, e seguite per 14 anni, il 15% del campione di ricerca ha detto di essere stato vittima di bullismo più volte durante l'infanzia. Il 6% ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo dopo 12 anni. E il 5% ha detto di esserne stato vittima sia durante l'infanzia che durante l'adolescenza. Queste vittime croniche sono le più inclini ad avere problemi di abuso di sostanze e problemi con la giustizia penale in età adulta.

    Altre ricerche hanno trovato che le persone vittime di bullismo da bambini hanno maggiori probabilità di avere problemi psichiatrici in età adulta.

    Secondo Michael Turner, professore associato presso il Dipartimento di Giustizia Penale e Criminologia presso l'Università del North Carolina, genitori e pediatri dovrebbero cercare i segnali che mostrano che un bambino è vittima di bullismo e fare in modo che i bambini ricevano un aiuto tempestivo nella gestione di tale problematica, piuttosto che cercare di spiegar loro che le cose andranno meglio con il trascorrere del tempo.

    Articolo tratto da http://health.usnews.com

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente