• Unisciti ai 250954 iscritti

    L’origine delle capacità matematiche

    Il nostro sistema visivo è capace di stimare il numero di oggetti presenti in un’ immagine, esattamente come è in grado di misurarne la grandezza o la velocità di spostamento.

    Letteralmente, noi “vediamo” la numerosità come vediamo il colore e la forma. E' quanto risulta da un articolo pubblicato oggi dalla rivista scientifica internazionale Current Biology, realizzato da David Burr del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Firenze e John Ross del Dipartimento di Psicologia dell'Università Western Australia.

    Sulla base delle ricerche sperimentali dei due autori è possibile formulare l'ipotesi che le nostre capacità matematiche affondino le loro radici nella semplice percezione. Questa ipotesi darebbe ragione del fatto che anche altri animali sono capaci di manipolare numeri: poiché l’evoluzione del sistema visivo è antica ed ha proceduto lentamente, molte delle sue caratteristiche si sono mantenute simili in specie relativamente lontane.

    Lo studio approfondisce precedenti linee di ricerca di numerosi scienziati che hanno affrontato il problema dell’origine delle nostre conoscenze matematiche. Se, intuitivamente, pensiamo che contare (come parlare) sia un’abilità specifica della specie umana, acquisita con l’educazione insieme a tutte quelle conoscenze che costituiscono la cultura personale di ognuno di noi, è stato, però, scientificamente dimostrato che già i bambini molto piccoli, nonché specie animali diverse da quella umana, sono in grado di stimare il numero di oggetti presenti in un insieme. Sembra che persino le api sappiano contare, almeno fino a 4.

    Recenti esperimenti mostrano, inoltre, che il cervello umano e di altri animali è strutturalmente predisposto per trattare i numeri. Infatti, sono stati identificati neuroni (nella scimmia) sensibili ad uno specifico numero di oggetti, cioè neuroni che si attivano selettivamente alla presenza di 4 oggetti, oppure di 5, 3…

    Articolo tratto da: http://www.intoscana.it/intoscana/home.jsp

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente