• 250949 iscritti di cui 3 online

    L’utilizzo del genogramma nel colloquio psicologico

    Il genogramma è uno strumento che, grazie ad una specifica rappresentazione grafica, consente di avere un quadro completo di un sistema familiare considerando almeno tre generazioni. 

    Può essere utilizzato all’interno di un colloquio psicologico per comprendere la storia di un individuo, di una coppia o di una famiglia a partire dalle loro più recenti discendenze.

    Grazie all’utilizzo del genogramma lo psicologo può aiutare il suo cliente ad esaminare aspetti importanti della sua storia personale e familiare, tra cui:
    • il significato che possono avere nel qui ed ora alcune vicende importanti che hanno coinvolto le varie generazioni; 
    • le linee portanti che hanno guidato i comportamenti di un singolo individuo e/o del suo sistema familiare;
    • il recupero di una precisa memoria storica che può consentire la programmazione di un progetto di vita migliore.
    L’utilizzo del genogramma nel colloquio con la famiglia e con la coppia consente di rilevare le rappresentazioni interne che della famiglia hanno i singoli individui.
    È inoltre utilizzato come occasione per chiarire tematiche e contenuti relazionali importanti e può servire come mezzo per sbloccare la comunicazione all’interno del gruppo familiare o della coppia, o per coinvolgere l’intero sistema nel processo di cambiamento.

    Nel colloquio individuale il genogramma rappresenta un utilissimo strumento per promuovere la conoscenza dei propri percorsi individuali e familiari al fine di individuare elementi di ciclicità.
    L’utilizzo di segni e simboli specifici consente di avere una rappresentazione chiara e d’insieme di un sistema familiare da condividere con il cliente. Grazie alla particolare evidenza grafica i dati possono essere riorganizzati e connessi tra loro tramite ipotesi che aprono e stimolano riflessioni significative durate il colloquio psicologico. 

    Un genogramma realizzato con ascolto e rispetto, nutrito con domande, riflessioni e connessione tra dati, permette di evidenziare modelli di funzionamento significativi e di generare nuovi racconti di vita, offrendo possibilità per ri-significare quanto vissuto e in questo modo generare cambiamento.

    Inoltre, la costruzione partecipata e la conoscenza condivisa dei contenuti aiutano a fortificare la relazione tra psicologo e cliente.

     

    Autore: Dott.ssa Adriana Saba, Psicologa-Psicoterapeuta, collabora con Obiettivo Psicologia nel Corso online: 
    Genogramma: costruzione e interpretazione in ambito clinico

     

     
    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente