• 250949 iscritti di cui 10 online

    Obesità e demenza senile: legame acclarato

    Valori di indice di massa corporea e circonferenza addominale nella norma aiutano a invecchiare meglio: gli individui non in sovrappeso hanno un rischio di soffrire di demenza senile ridotto dell’80 per cento rispetto a coloro che sono obesi e del 30 per cento rispetto a chi è in sovrappeso. Lo ha dimostrato uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e i cui risultati sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista Obesity Reviews

    Ma cosa hanno in comune obesità e demenza senile? Un soggetto obeso ha spesso un quadro clinico complesso e presenta dei disturbi correlati quali l’ipertensione, l'ipercolesterolemia, l’insulino-resistenza, l’iper-produzione di cortisolo, che in elevate quantità è tossico per i neuroni. Questi disturbi sono, al tempo stesso, dei fattori di rischio per lo sviluppo della demenza senile e in particolare della malattia di Alzheimer

    “Prevenire o curare l’obesità sin dalla giovane età può essere la carta vincente per la sanità del futuro. Ridurre i pazienti obesi vuol dire avere una popolazione più sana. Il nostro studio dimostra che una prevenzione e una gestione mirata dell’obesità possono ridurre la comparsa di comorbilità, come per esempio la demenza senile”, ha dichiarato Youfa Wang, uno degli autori dello studio. Uno stile di vita sano, che preferisce un'alimentazione varia ma ricca di verdure e povera di grassi, può quindi aiutare a invecchiare in salute proteggendo il cuore e anche il cervello. 

    Fonte: Beydoun MA et al. Obesity and central obesity as risk factors for incident dementia and its subtypes: a systematic review and meta-analysis. Obes Rev 2008; 9(3):204-18.
    http://it.health.yahoo.net/

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente