• 250940 iscritti di cui 10 online

    Professione psicologo: CTU e CTP

    Lo Psicologo in ambito giuridico svolge una funzione prevalentemente di consulente, e la sua attività è finalizzata a rispondere a quesiti legali di  diversa natura e con diverse finalità a seconda che siano stati formulati dal Tribunale Civile, Penale o Minorile.

    Lo Psicologo può collaborare con il giudice, ed in questo caso viene chiamato Consulente Tecnico d'Ufficio (CTU) e sarà quindi nominato dallo stesso sia per quanto riguarda casi di procedura civile (per esempio: separazione ed affidamento dei figli, richieste di risarcimento per danno psicologico) che di procedura penale (per esempio: valutare la capacità di intendere e di volere del soggetto autore di reato e la sua pericolosità sociale, oppure essere di ausilio ad un giudice nell'ascolto di un minore vittima di un reato); può invece essere un consulente per un cliente di un avvocato che ritenga di aver bisogno di una consulenza tecnica o di una perizia psicologica durante un processo rispettivamente civile o penale, ed chiamato in questo caso Consulente Tecnico di Parte (CTP).

    Lo Psicologo giuridico non è un qualsiasi Psicologo, ma un professionista che ha maturato una particolare esperienza in questo campo, che conosce non solo le leggi ma il contesto culturale e professionale in cui gli operatori del diritto si muovono.

    I requisiti che lo Psicologo deve avere per lavorare come CTU sono:

    • Laurea in specialistica in Psicologia
    • Iscrizione all'Albo degli Psicologi
    • Corso/Master in Psicologia giuridica
    • Corso di specializzazione in Psicodiagnosi
    • Iscrizione all'Albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio presso il Tribunale (l'iscrizione all'albo dei CTU puo' essere richiesta mediante domanda al Presidente del Tribunale nella cui circoscrizione l'aspirante CTU risiede o ha il domicilio professionale. Poiché ogni singolo Tribunale adotta regole leggermente differenti, è opportuno rivolgersi all'ufficio dei CTU di riferimento, richiedendo l'apposito modulo di iscrizione e l'elenco delle specifiche).


    A seconda della Regione di appartenenza è necessario che il professionista si attivi al fine di verificare quali siano le specifiche richieste formative della normativa di riferimento.

    Per lo  Psicologo che lavora come CTP
    , invece, non è prevista l’iscrizione nelle liste dei tribunali, pertanto è utile crearsi un network di relazioni (con avvocati e potenziali clienti) che ampli le possibilità di essere contattati.
    Il CTP ha anche il compito, nell'interesse di una delle parti, di affiancare il Consulente Tecnico di Ufficio, (CTU) nell'espletamento del suo incarico, formulando osservazioni a supporto o critica dei risultati ai quali il Perito del Giudice sarà giunto.

    Lo Psicologo che lavora in ambito giuridico deve:

    • saper condurre un colloquio psicologico
    • essere un buon osservatore
    • avere competenze psicodiagnostiche, di somministrazione ed elaborazione Test
    • saper contestualizzare i propri strumenti diagnostici e di intervento
    • sviluppare la capacità alla collaborazione interprofessionale
    • scrivere una relazione fruibile
    • aggiornarsi costantemente
    • essere neutrale
    • avere un’approfondita conoscenza della teoria dello sviluppo psicologico individuale sia normale che patologico.
    • avere una specifica conoscenza delle dinamiche di gruppo e delle strutture familiari.
    • avere una conoscenza non superficiale delle leggi e delle procedure giudiziarie di riferimento.


    E' necessario mantenere un livello di preparazione professionale adeguato, in un ambito particolarmente delicato come quello forense in cui il parere professionale dello Psicologo incide spesso in modo decisivo sulla decisione del giudice.

    E' necessario pertanto un continuo aggiornamento che può essere effettuato con la partecipazione a convegni e seminari, giornate di studio, corsi professionali, studio di pubblicazioni.

     

    Vedi anche:

    Verso la Professione di psicologo

    Professione psicologo: interventi sul comportamento alimentare

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente