• 250948 iscritti di cui 5 online

    Programmi di educazione coniugale: come tenere insieme le coppie

    Il tasso di divorzio negli Stati Uniti è diminuito negli ultimi anni, ma circa la metà delle persone, che si sposano per la prima volte, finisce ancora per divorziare.

    E chi rimane sposato spesso si ritrova in un matrimonio infelice, fattore di rischio per la salute fisica e mentale dell’individuo.

    Gli psicologi hanno messo a punto dei programmi educativi, scientificamente testati, per mantenere le coppie unite.

    Una ricerca iniziata nel 1970 dagli psicologi Howard Markman, John Gottman, ha scoperto che la qualità dell'interazione tra marito e moglie è altamente predittiva del disagio coniugale o del divorzio.

    Gli studi hanno indicato che le coppie con modalità interattive più negative avevano matrimoni infelici.

    L’interazione negativa è considerata un comportamento dinamico che le coppie possono cambiare per migliorare le loro probabilità di stare insieme.

    Vi sono invece fattori relativamente statici che sono difficili o impossibili da cambiare una volta sposati, come avere genitori divorziati, sposarsi in età molto giovane e avere una personalità aggressiva nell’affrontare le delusioni e le problematiche quotidiane.

    I programmi di educazione matrimoniale si concentrano sui fattori dinamici

    Uno di questi programmi si chiama Program Relationship Enhancement (PREP), creato dal Dr. Markman e dai suoi collaboratori presso l'Università di Denver del Centro per gli Studi coniugale e familiare.

    Il PREP insegna alle coppie le tecniche di comunicazione e problem solving, le regole di base per la gestione dei conflitti, il perdono, le tecniche per parlare/ascoltatore, come conservare e valorizzare il divertimento, l'amicizia e la sensualità.

    Le ricerche sull'efficacia del PREP indicano che le coppie che vi hanno preso parte sono hanno meno probabilità di divorziare e hanno livelli significativamente più elevati di soddisfazione coniugale.

    Il conflitto coniugale intenso è un fattore di rischio per una serie di problemi di salute mentale sia per i bambini (es. sviluppo di disturbi) che per gli adulti (es. depressione) e può anche portare a problemi di salute fisica.

    Il programma PREP viene utilizzato con successo in tutto il mondo con le coppie sposate e con quelle che stanno per sposarsi.

    Markman e Scott Stanley, hanno creato tre società per la diffusione della formazione del PREP.

    Un altro programma di terapia coniugale basato sulla ricerca, che sta rafforzando i matrimoni, si chiama Couples Communication Programs”. Il Programma è stato sviluppato dallo psicologo Sherod Miller presso l'Università del Minnesota ed è un altro programma che si concentra su come le coppie interagiscono.

    Prevede l'utilizzo di una "ruota di sensibilizzazione" e "ruota di ascolto", che permette alle coppie far emergere i problemi e aiutarli a diventare ascoltatori attivi.

    Più di 70 studi pubblicati dimostrano gli effetti positivi del programma. Ad oggi oltre 600.000 coppie di tutto il mondo hanno utilizzato il programma sin dal suo sviluppo.

    Il programma “PAIRS– Applicazione pratica di capacità relazionali – creato da Lori Gordon, si concentra su questioni emotive del passato della coppia, che in qualche modo hanno plasmato il modo di agire della coppia. Il programma insegna le regole di conversazione, ascolto e capacità di problem solving.

    La ricerca mostra che il programma “PAIRS” è efficace su tutte le popolazioni sulle quali è stato adattato.

    “PAIRS” ha programmi di formazione sulle capacità relazionali per bambini e giovani che vengono insegnate anche nelle scuole. “PAIRS" sta sviluppando sistemi di erogazione del programma per i giovani svantaggiati, famiglie non sposate, genitori single, per prevenire la violenza domestica e per tutti coloro che vogliono trarre vantaggi dallo sviluppo di capacità relazionali.


    Articolo tratto dal sito www.apa.org

     

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente