• 250949 iscritti di cui 10 online

    Psicologia del lavoro: ricerca in materia di salute e sicurezza dei lavoratori

    Globalizzazione ed economia basata sulla conoscenza

    In passato, la globalizzazione è stata spesso vista come un processo più o meno economico. Al giorno d'oggi, ha creato più opportunità per lo sviluppo economico, ma ha anche intensificato la concorrenza e l’aumento della pressione economica, con conseguente ristrutturazione e ridimensionamento delle imprese (outsourcing e offshoring delle attività di business).

    Le conseguenze per i lavoratori sono state una crescente precarietà del lavoro, l'intensificazione del lavoro ed una crescente mobilità lavorativa dovuta ad una maggiore integrazione economica dei diversi paesi dell’euro zona (Eu-Osha, 2013)1.

    La rapida diffusione delle ITC e di Internet sta cambiando il modo in cui le imprese organizzano la produzione e sta permettendo sempre più servizi, oltre che di produzione. Internet rende possibile la comunicazione in tempo reale e fornisce nuovi mezzi di diffusione di prodotti e nuovi servizi, permettendo inoltre alle aziende di usufruire di servizi e funzioni che una volta erano esercitate internamente (business process outsourcing).

    Lo spostamento in corso verso un'economia di servizi basata sulla conoscenza, sottolinea come oggi si dia enfasi al settore dei servizi. Oggi, in tutto il mondo, il settore dei servizi contribuisce di più alla crescita economica di qualsiasi altro settore di attività economica e rappresenta circa il 75% del prodotto interno lordo dell'UE. Questo settore fornisce un numero crescente di posti di lavoro altamente qualificati, per esempio nel settore delle ITC e del marketing, ma anche un basso livello di skill jobs, spesso caratterizzato da condizioni di lavoro non standard, aumento della domanda e crescenti pressioni psico-sociali, con potenziali rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori (SSL).

    La crisi economica ha aumentato la pressione sulle imprese per le attività di ristrutturazione e secondo la Commissione europea, un maggiore numero di lavoratori è esposto a pressioni competitive e peggioramento delle condizioni di lavoro.
    In molti casi, le nuove forme di lavoro ed un alto numero di transizioni di lavoro non sono state accompagnate con adeguate condizioni di lavoro, aumentando lo stress psicologico e i disturbi psicosociali.

    Questo ha comportato alti costi sociali ed economici e può minare la capacità dell'Europa di competere, nonostante vi sia una elevata presenza di micro, piccole e medie imprese e il lavoro autonomo (PMI) che hanno mantenuto la loro posizione come la spina dorsale dell'economia europea. Le PMI forniscono due terzi di tutti i posti di lavoro del settore privato, che sottolinea l'importanza di prestare la dovuta attenzione all’imprenditorialità, compresa l'imprenditorialità sociale, che dovrebbe diventare un mezzo più diffuso di creare posti di lavoro, così come la lotta all'esclusione sociale.

    Questi cambiamenti – la globalizzazione, il maggiore ruolo delle ITC e il passaggio dalla produzione ai servizi – hanno colpito l'occupazione ed i modelli di lavoro hanno subito mutamenti significativi. Complessivamente, i rapidi cambiamenti della natura del lavoro, i sistemi di organizzazione e di produzione, la crescente importanza del settore dei servizi e la natura competitiva crescente del mercato globale hanno notevolmente aumentato l'esposizione dei lavoratori ai rischi psicosociali.

    Sorveglianza e gestione della salute nelle ristrutturazioni

    Le ristrutturazioni – tra cui la riorganizzazione aziendale, chiusure, fusioni e acquisizioni, downsizing, outsourcing e delocalizzazione – sembrerebbero necessarie per la competitività delle imprese, ma le conseguenze possono essere dolorose per tutti i lavoratori coinvolti. Le ristrutturazioni stanno diventando un fenomeno permanente e tendono a verificarsi in tutti gli Stati membri dell’EU28.

    L'Osservatorio europeo delle ristrutturazioni (ERM)2 ha registrato più di 7000 casi di ristrutturazione su larga scala negli Stati membri nell’arco temporale 2002-2007. Tuttavia, la raccolta di dati è limitata in quanto l'ERM copre solo le grandi imprese e quelle che vengono riportati dai media. Inoltre, i dati non riguardano gli effetti della ristrutturazione sulla SSL. Pertanto, i dati relativi al binomio salute-ristrutturazione sono carenti e frammentati a livello nazionale ed europeo.

    Vi sono prove empiriche degli effetti negativi sulla salute della ristrutturazione sulle vittime dirette, cioè coloro che perdono il posto di lavoro, ed i superstiti di ristrutturazione. Vi è anche un'ampia prova che collega la salute dei lavoratori, con i modi in cui il cambiamento organizzativo viene progettato, ad esempio le modalità in cui i lavoratori sono coinvolti nel processo influenzeranno non solo le loro reazioni psico-sociali ed i livelli di deformazione, ma anche il loro futuro impegno per la società.

    Secondo i risultati del 2012 desunti dalla relazione ERM in relazione alla ristrutturazione e alla salute, i lavoratori nei luoghi di lavoro ristrutturati erano significativamente più sensibili a:

    • maggiore esposizione ai rischi psicosociali nei luoghi di lavoro;
    • elevati livelli di disturbi psicosomatici (soprattutto disturbi depressivi, stress e sonno);
    • elevati livelli di assenteismo di lavoro e, in particolare, di presenzialismo;
    • maggiori rischi fisici e psicosociali (soprattutto tra le professioni del settore sanitario).

    La relazione conclude, che la questione della ristrutturazione e delle sue conseguenze occupazionali continuerà ad avere una forte rilevanza per la politica e la ricerca data la accelerazione del cambiamento tecnologico e organizzativo di lavoro in un mondo multipolare in via di globalizzazione, alti livelli di recente attività di ristrutturazione in seguito alla recessione 2008-09, il taglio del settore pubblico conseguente al consolidamento fiscale e le misure di austerità.

    Data l'evidenza degli effetti sulla salute potenzialmente negative della ristrutturazione, i servizi di medicina del lavoro dovrebbero promuovere la prevenzione e l'intervento della salute sul posto di lavoro prima, durante e dopo la ristrutturazione. Benché la qualità e il contenuto dei servizi di medicina del lavoro variano secondo la cultura e le risorse allocate dai governi europei, la ricerca in questo campo dovrebbe essere rafforzata, e le prove pratiche e scientifiche della efficacia degli interventi dovrebbero essere raccolte e pubblicate.

    Le priorità suggerite dall’EU-Osha per la ricerca in tale ambito sono:

    • Monitorare gli effetti della ristrutturazione, incluse le PMI: raccogliere e valutare i dati e le prove sugli effetti della ristrutturazione per la salute e il benessere dei lavoratori;

    • Condurre interventi di salute nei luoghi di lavoro volti a fornire sostegno psicosociale ai lavoratori, prima, durante e dopo i processi di ristrutturazione per consentire loro di affrontare meglio la transizione e le nuove esigenze poste loro durante la transizione. Valutare l'efficienza ed il rapporto costo-efficacia degli interventi adottati.


    Work-life balance e prospettive di ricerca gender-based

    I cambiamenti strutturali, organizzativi e tecnologici per l'ambiente di lavoro descritto nel paragrafo precedente aumenta la pressione sul work-life balance. Fattori come i progressi in materia di ITC, il sovraccarico di informazioni, il bisogno di risposte veloci, l'importanza attribuita alla qualità del servizio al cliente e le sue implicazioni per la disponibilità costante e il ritmo del cambiamento possono tutti essere fonti di pressione psicologica.

    Aumentare l'uso delle ITC tende a portare ad una situazione in cui il lavoro è disperso nel tempo e luogo: non c'è più una netta separazione tra lavoro e tempo libero, con ricaduta sull’equilibrio vita-lavoro che diventa una preoccupazione particolare, soprattutto per le famiglie monoparentali, le famiglie con carriere parallele, i genitori che hanno bambini piccoli e/o a carico, i genitori “care-givers” di parenti più anziani bisognosi di cure (Eurofound, 2012)3.

    La crisi economica ha aumentato la pressione sulle imprese per le attività di ristrutturazione, e, come dichiarato dalla Commissione europea, più posti di lavoro sono stati esposti a pressioni competitive e peggioramento delle condizioni di lavoro. In molti casi, le nuove forme di lavoro e un alto numero di transizioni di lavoro non sono state accompagnate con adeguate condizioni di lavoro, aumentando lo stress psicologico ed i disturbi psicosociali.

    L’Eu-Osha suggerisce alcune priorità per la ricerca in materia di SSL in un’ottica di genere:

    • Analizzare l'impatto di nuovi posti di lavoro e modelli organizzativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro secondo un approccio gender-based, considerando sia i potenziali rischi psicosociali e gli effetti negativi per la salute associati da un lato, sia le opportunità che possono offrire per migliorare l'equilibrio vita-lavoro per sostenere politiche basate su dati e prassi a livello sociale;

    • Porre attenzione agli aspetti di salute e sicurezza del lavoro precario, in termini di accesso all'assistenza sanitaria, sorveglianza sanitaria professionale e la tracciabilità delle malattie professionali, la partecipazione dei lavoratori e l'accesso alla formazione;

    • Proseguire le ricerche sulle determinanti di equilibrio vita-lavoro in un contesto sociale più ampio, compresi i valori ed i sistemi sociali. Indagare ulteriormente come nuovi modelli di lavoro e diversi tipi di flessibilità, nonché l'attuazione di nuove tecnologie, hanno un impatto sul bilanciamento vita-lavoro e, di conseguenza, la salute e il benessere sul luogo di lavoro, la performance organizzativa, e, allo stesso tempo, di fornire la base di conoscenze per lo sviluppo di politiche e buone pratiche a livello aziendale;

    • Monitorare e analizzare l'impatto della crisi economica sulla salute e sicurezza sul lavoro.


    Fattori di rischio psicosociali, stress lavoro correlato e malattie croniche

    Le cause delle principali malattie croniche/disordini e le condizioni di salute come le malattie cardiovascolari (CVD) e disturbi muscoloscheletrici (DMS) sono spesso multifattoriali e l'ambiente di lavoro può svolgere un ruolo nel loro sviluppo.

    Fattori di rischio psicosociale e organizzativo come gli alti carichi di lavoro, scadenze strette, il tempo prolungato di lavoro e/o non standard di lavoro (lavoro a turni , il lavoro notturno), lavoro precario sono combinati con lo sviluppo di alcuni disturbi cronici e malattie come le alterazioni della salute mentale, malattie immunologiche e tumori professionali (Eurofound, 2013)4.

    I fattori di rischio psicosociali possono influenzare la salute, direttamente o indirettamente, mediata da stress lavoro-correlato. Secondo il rapporto dell’Eu-Osha (ESENER, 2010)5, il 79 % dei manager intervistati in paesi dell'UE-27 nel 2008, considera lo stress lavoro-correlato come fonte di particolare o di qualche preoccupazione.

    Sintomi di stress a breve termine al lavoro normalmente non hanno conseguenze negative. Tuttavia, quando si prolungano, diventano un rischio per la sicurezza e la salute e possono contribuire allo sviluppo di condizioni patologiche come DMS, CVD e disturbi mentali. Lo stress da lavoro può anche condurre a dipendenza, ad esempio, un maggiore uso di alcol e/o droghe, aggravando il rischio di sviluppare condizioni patologiche.

    Inoltre, il comportamento di dipendenza può a sua volta peggiorare l'impatto dello stress.
    Per esempio
    , è stato riportato che il consumo di alcol e lo stress possono alimentare reciprocamente.
    Inoltre, a livello di stile di vita, vi sono evidenze che l'obesità e il sovrappeso possono essere correlati, in parte, a condizioni di lavoro sfavorevoli.
    In particolare, il rischio di obesità può aumentare in ambienti di suggerisce che l'obesità aumenta il rischio di alcune malattie professionali o condizioni come disturbi muscoloscheletrici, CVD, asma e lesioni indotte dalle vibrazioni.

    L'obesità può anche modificare le risposte fisiologiche di neurotossine e le risposte immunitarie a provocazioni chimiche, molte delle quali si trovano al lavoro. Inoltre, l'obesità può interagire con lo stress sul lavoro. La ricerca è giustificata sia per esplorare come l'ambiente di lavoro e le pratiche di lavoro favoriscono o scoraggiano lo sviluppo di obesità (sovrappeso e in generale) e definire la misura in cui l'obesità agisce per modificare il rischio di malattie professionali e degli infortuni.

    Una recente meta-analisi basata sui singoli record di 13 studi di coorte europei pubblicati tra il 1985 e il 2006, ha sottolineato l'associazione tra stress lavorativo e CVD. E 'stato stimato che il 6% di tutti i casi di malattie cardiovascolari tra gli uomini e il 14% dei casi nelle donne sono attribuibili a stress lavorativo e che l’impatto dei turni e del lavoro notturno aumenta il rischio di malattie cardiovascolari di almeno il 40%.

    L'effetto dei fattori di rischio organizzativi e psicosociali nello sviluppo di disordini immunologici e tumori professionali è stato studiato meno estesamente, anche se la prova sostanziale è stata creata, per esempio, sul fatto che il lavoro notturno può svolgere un ruolo significativo nello sviluppo di alcuni tipi di tumore.

    La natura di molte delle complesse interazioni tra i fattori di rischio legati al lavoro psicosociale, comportamenti a rischio e le malattie croniche e le condizioni di salute, tra cui malattie e disturbi professionali, non sono stati ancora ben studiati.

    È pertanto necessaria una migliore comprensione dei legami tra fattori di rischio psicosociale lavoro-correlati e la morbilità/mortalità per lo sviluppo di politiche e di strategie di prevenzione efficaci basate sull'evidenza.

    L’Eu-Osha suggerisce alcune priorità per la ricerca in materia di SSL nella prevenzione dei rischi psicosociali: 

    • Indagare le complesse interazioni tra fattori psicosociali e organizzativi di rischio, stress lavoro-correlato, l'inattività fisica sul posto di lavoro, comportamenti di rischio e malattie croniche e condizioni di salute per fornire una base di conoscenze per lo sviluppo di politiche e strategie di prevenzione efficaci (con specifico focus sui gruppi di lavoratori particolarmente vulnerabili agli effetti negativi sulla salute di fattori di rischio psicosociali);

    • Sviluppare interventi, programmi e strategie che fondono la protezione della salute sul luogo di lavoro tradizionale con la promozione della SSL, affrontando sia i rischi legati al lavoro-organizzativi e sia  legati ai fattori psicosociali-relazionali contemporaneamente. Questo include logicamente un focus su l'ambiente di lavoro e sulle scelte individuali e comportamentali dei lavoratori.


    Riferimenti biblio-sitografici
    Priorities for occupational safety and health research in Europe: 2013-2020, European Agency for Safety and Health at Work, Bilbao, 2013;
    http://www.eurofound.europa.eu/emcc/erm/index.htm
    http://www.eurofound.europa.eu/publications/htmlfiles/ef1330.htm
    http://www.eurofound.europa.eu/pubdocs/2013/841/en/1/EF13841EN.pdf
    https://osha.europa.eu/it/esener-enterprise-survey/enterprise-survey-esener

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente