• 250948 iscritti di cui 6 online

    Shhh, i vostri bambini vi ascoltano, anche quando dormono

    Per anni, gli psicologi hanno cercato di sensibilizzare le coppie che litigano e che alzano la voce tra loro, a smettere di farlo per il bene dei bambini.

    Questi conflitti – anche quando la violenza non li coinvolge direttamente – sono associati a una serie di comportamenti ed esiti di vita negativi per i bambini.
    Alcuni filoni di ricerca si sono spinti fino a suggerire che la rottura di un matrimonio potrebbe essere una soluzione migliore per i bambini, da preferire rispetto all’esposizione ad alti livelli di conflitto all'interno di un matrimonio che non funziona.

    Eppure, gli effetti del conflitto genitoriale non sembrano essere vissuti allo stesso modo da tutti i bambini.
    Alcuni stanno male se esposti a conflitti; altri sembrano affrontarli molto meglio.

    Recentemente, i ricercatori della University of Oregon hanno deciso di cercare di ottenere una misura di questa variabilità: è possibile, si sono chiesti, che le esperienze precoci possano influenzare il cervello in modi che caratterizzano la risposta del bambino al conflitto più tardi nella vita?

    Gli Psicologi Alice Graham, Philip Fisher e Jennifer Pfeifer hanno deciso di dare un'occhiata a ciò che accade al cervello dei neonati quando vengono esposti a conflitti e voci arrabbiate.
    L'approccio è stato semplice: utilizzare una tecnica non invasiva di scansione del cervello nota come risonanza magnetica funzionale per esaminare i cervelli dei bambini ed individuare, in tempo reale, quali aree del cervello vengono attivate dalle voci arrabbiate.

    C'è stato un problema. Queste scansioni cerebrali richiedevano che i bambini fossero tenuti per un periodo di tempo davvero lungo in uno scanner rumoroso.
    Le probabilità che questo accadesse: vicine allo zero. A meno che, i neonati dormissero.

    Era possibile che, anche durante il sonno, il cervello continuasse a raccogliere e processare voci arrabbiate?

    In uno studio pubblicato in Psychological Science che è altrettanto notevole sia per metodologia che per risultati, i ricercatori hanno analizzato un paio di dozzine di bambini portati in un laboratorio a fare la scansione del cervello mentre dormivano.

    In primo luogo, i genitori hanno cullato i bambini per farli addormentare. Poi Graham ei suoi colleghi hanno accuratamente posizionato i bambini addormentati all'interno dello scanner cerebrale. Con delle cuffie, hanno fatto giungere delle voci che pronunciavano frasi senza senso come "I pulimented a Mopar." Le voci parlavano in toni diversi – arrabbiato, neutro e felice.
    Graham, ha detto che la cosa più sorprendente non è che il cervello dei neonati ha risposto in modo diverso per i diversi toni – il che suggerisce che il cervello è in grado di recepire informazioni mentre un bambino è addormentato – ma che vi erano forti differenze tra i bambini.

    I neonati che venivano da famiglie con un alto livello di conflitto, dove i genitori gridavano l'un l'altro e ciascuno chiamava l’altro con appellativi sgradevoli, hanno mostrato una attivazione accresciuta in alcune aree del cervello.

    "Quello che vediamo per i bambini che vivono in case ad alta conflittualità è che mostrano una maggiore reattività al tono di voce molto arrabbiato", dice Graham", e che la reattività è nelle regioni del cervello che riteniamo importanti in seguito, in termini di capacità di regolare le emozioni e di funzionare bene."

    Gli scienziati hanno riconosciuto che non è immediatamente chiaro il significato di questi risultati.

    Se i bambini provenienti da famiglie ad alto conflitto sono particolarmente reattivi alle voci arrabbiate, questo potrebbe essere coerente con gli studi che hanno trovato che il conflitto nelle case è psicologicamente dannoso per i bambini.

    D'altra parte, è anche possibile che la maggiore attivazione sia collegata con il modo in cui il cervello sviluppa resilienza: l'attivazione del cervello indica che i neonati stavano imparando a trattare con un’elevata conflittualità.
    L'unico modo per scoprirlo sarebbe quello di seguire questi bambini nel tempo e vedere cosa accadrà loro da grandi.

    Graham dice che questo studio è solo un primo passo verso la comprensione del ruolo delle prime influenze del conflitto e su come i bambini andranno ad elaborarlo.
    E come avviso ai genitori che litigano, lei dice, la linea guida potrebbe essere semplice: i vostri bambini vi ascoltano, anche quando dormono.

    Articolo di Shankar Vedantam, tratto da: www.npr.org

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente