• 250849 iscritti di cui 6 online

    Traffico stradale e ipertensione, possibile associazione?

    Una prolungata esposizione al traffico stradale potrebbe aumentare il rischio di ipertensione. Un importante fattore di rischio per l’ipertensione sembra essere il rumore, e il traffico è la fonte principale di rumore nelle comunità urbane. Con questo ragionamento come presupposto iniziale un team di ricercatori svedesi ha cercato, trovandola, una correlazione tra esposizione al traffico e ipertensione.

    Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Occupational and Environmental Medicine, è stato condotto da Leon Bluhm dell’Istituto di Medicina Ambientale presso il Karolinka Institutet di Stoccolma. Per realizzare l’indagine sono stati selezionati casualmente 1000 cittadini di Stoccolma tra i 19 e gli 80 anni di età residenti entro 100 metri da una strada ad alto scorrimento, ai quali è stato inviato per posta un questionario riguardante alcune informazioni individuali compresa un’eventuale diagnosi di ipertensione.

    Ha risposto circa il 77 per cento del campione selezionato, per un totale di 667 individui. Nel trarre le loro conclusioni i ricercatori hanno tenuto conto di fattori quali età, fumo, stato occupazione e tipo di abitazione. I risultati hanno mostrato una modesta associazione tra esposizione e incidenza di ipertensione, maggiore tra le donne che non tra gli uomini.

    Questa correlazione era più marcata in quei casi in cui il rumore del traffico era maggiormente percepibile, ad esempio nel caso di assenza di doppi vetri alle finestre, pareti troppo sottili, minore distanza dalla fonte di rumore e finestre della camera da letto direttamente affacciate sulla strada. La relazione osservata dipende probabilmente dallo stress che un rumore continuato nel tempo può provocare. Lo stress, infatti, è uno dei fattori di rischio legati all’ipertensione, fortunatamente uno dei quali su cui è possibile agire.

    Fonte: Bluhm LG, Berglind N et al. Road traffic noise hypertension. Occ Environ Med 2007; 64:122-6.
    http://it.health.yahoo.net

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente