• 250949 iscritti di cui 1 online

    Amici virtuali, amici veri?

    Come i genitori di molti adolescenti sanno, le telefonate di due ore con gli amici spesso oggi avvengono tramite un’intensa maratona di messaggi di testo o sessioni di Facebook.

    Gli Psicologi si interrogano su questo cambiamento culturale, con una serie di domande:

    Cosa succede alle amicizie adolescenziali, quando la comunicazione interpersonale avviene principalmente tramite testo?
    O quando lotte tra amici esplodono su Facebook sotto lo sguardo di tutti?
    E può una sigla come OMG—ROTFL ("Oh mio dio! Sto rotolando sul pavimento dal ridere!") veramente trasmettere lo stesso divertimento come sentire le risatine di un amico?

    Finora, le risposte a queste domande sono differenti.
    Margarita Azmitia, professore di Psicologia presso l'Università della California, è tra coloro che sostengono che queste tecnologie hanno cambiato solo alcuni dei modi in cui gli adolescenti interagiscono. Sostiene che i giovani di oggi si incontrano ancora tanto e parlano molto anche dal vivo.

    "I valori, come la lealtà e fiducia, rimangono gli stessi", dice Azmitia. "La tecnologia ha cambiato solo alcuni dei modi di interagire con gli amici."

    Altri Psicologi, invece, dicono che i modi attuali di comunicare possono modificare il significato del messaggio, e si chiedono che effetto abbiano sulle amicizie adolescenziali.

    "Stiamo perdendo il senso della voce umana, il significato delle inflessioni e delle esitazioni", dice Turkle, Psicologo sociale presso il Massachusetts Institute of Technology, il cui libro "Alone Together" (2011) si basa su 15 anni di ricerca e di osservazione dei bambini e delle interazioni degli adulti con la tecnologia.

    Uno dei maggiori vantaggi dei social network è rappresentato dalla loro capacità di fornire amicizie significative a persone socialmente isolate ed emarginate. Non avere amici al liceo può avere conseguenze per tutta la vita sullo sviluppo cognitivo, sociale e morale di una persona.
    In uno studio, pubblicato nella Rivista di Psicologia Scolastica, lo Psicologo Beth Doll, della University of Nebraska-Lincoln, ha scoperto che gli adolescenti senza amici hanno maggiori probabilità di essere disoccupati, aggressivi o di sviluppare problemi di salute mentale da adulti.

    Ma grazie a messaggi di testo e all’utilizzo di Internet, gli adolescenti socialmente ansiosi, che potrebbero essere stati emarginati, ora non lo sono. In uno studio del 2010 con 626 bambini e ragazzi, i ricercatori della Queensland University of Technology in Australia hanno scoperto che gli adolescenti emarginati usano Internet per fare nuove amicizie, e che essi comunicano on line molto più frequentemente su argomenti personali e intimi rispetto ai non emarginati.

    Questi ragazzi hanno affermato di comunicare più spesso on line perché questo permette loro di superare la timidezza e di parlare in modo più libero (CyberPsychology, Behavior, e Social Networking, 2010).

    Inoltre, in uno studio del 2010 in Computers in Human Behavior, Malinda Desjarlais, professore di Psicologia presso la University of Northern British Columbia, ha scoperto che i ragazzi adolescenti socialmente ansiosi, che hanno giocato al computer con gli amici, hanno costruito delle amicizie migliori rispetto ai loro coetanei socialmente ansiosi che hanno utilizzato il computer da soli.
    Secondo la Desjarlais, i giochi on line in genere permettono ai giocatori di parlare tra loro attraverso il computer e proprio la possibilità di comunicare senza un contatto visivo può mettere i ragazzi socialmente ansiosi a proprio agio.

    La capacità di Internet di creare legami sociali apporta benefici non solo a ragazzi timidi e solitari.
    In uno studio con 63 studenti della Cornell University, i ricercatori hanno scoperto che le persone hanno riferito di avere una maggiore autostima dopo aver trascorso del tempo su Facebook rispetto al tempo trascorso a guardarsi allo specchio (cyberpsicologia, Comportamento e Social Networking , 2011).

    "A differenza di uno specchio, che ci ricorda chi siamo veramente e può avere un effetto negativo sulla stima di sé se l'immagine non corrisponde al nostro ideale, Facebook può mostrare una versione positiva di noi stessi", afferma il professor Jeffrey Hancock. "Non stiamo dicendo che si tratta di una versione ingannevole di sé, ma di una una positiva."

    La nuova ricerca suggerisce anche che i giovani che fanno uso di blog, siti web ed e-mail per discutere di politica e attualità diventano più impegnati socialmente nel corso del tempo.
    Gli studenti che hanno partecipato a dibattiti politici all’interno di comunità on line, per esempio, hanno svolto maggiori attività di volontariato, tra cui la raccolta di fondi per beneficenza e hanno mostrato una maggiore partecipazione alle votazioni.

    Nel suo lavoro come direttore di Hardy Girls, un’organizzazione senza scopo di lucro per la difesa delle ragazze, con sede a Waterville, nel Maine, Lyn Mikel Brown ha verificato gli effetti positivi di Internet sui rapporti tra adolescenti e l'impegno civico.

    In un programma nazionale di educazione ai media, dal titolo Powered by girls e sponsorizzato da Hardy Girls, le ragazze adolescenti degli Stati Uniti si collegano on line tramite il sito per discutere le rappresentazioni positive e negative della cultura popolare da parte delle ragazze e delle donne.

    "E’ facile dire che Internet è negativo e pieno di materiale pornografico, è roba che fa notizia", dice Brown, professore di educazione al Colby College. “Quello che non fa la notizia è che le ragazze costruiscono on line progetti sociali e politici”.

    Ma se da un lato Internet può offrire ai ragazzi lo spazio di un forum, può anche rubare loro la ricchezza di amicizie reali. Il tempo trascorso online, dopo tutto, è il tempo non trascorso con gli amici.

    Per esempio, uno studio del 2010 con 99 studenti guidati da Holly Schiffrin, professore di psicologia presso l'Università di Mary Washington, ha mostrato che coloro che hanno speso più tempo su Internet hanno mostrato una diminuzione del proprio benessere. La maggior parte degli studenti ha anche riferito che Internet era meno utile della comunicazione faccia a faccia per la costruzione di relazioni e per aumentare la vicinanza emotiva con gli altri (CyberPsychology, Behavior, e Social Networking , 2010).

    Schiffrin afferma: "Sono assolutamente convinta che la tecnologia può essere utilizzata per costruire e mantenere relazioni, ma non è un sostituto soddisfacente per i rapporti dal vivo”.

    Il social networking su Internet può anche aggravare i problemi già presenti: in uno studio del 2011 nel bollettino di Personalità e Psicologia, si è riscontrato che le persone pensano di essere più felici di quanto non siano in realtà, e questa distorsione della realtà le rende sole e insoddisfatte.

    Il professor Alessandro Giordano, laureato a Stanford, in un suo studio ha intervistato 80 matricole sulla loro percezione di esperienze negative vissute da altri studenti, come per esempio un brutto voto.
    Gli studenti sono poi stati invitati a valutare quanto spesso i loro coetanei hanno avuto esperienze positive, come uscire con gli amici.
    Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che gli studenti hanno sottovalutato i sentimenti negativi dei loro pari (dal 17 per cento) e sovrastimato le loro emozioni positive (da 6 per cento).

    "Le reti sociali online sono un ottimo esempio di “vetrina” dove le persone espongono il positivo e nascondono il negativo, e questo può portare alla sensazione di essere soli nelle proprie lotte", spiega Giordano.

    Questi risultati suggeriscono inoltre che, anche se sappiamo che tutti nascondiamo i sentimenti negativi e la tristezza, non ci rendiamo conto di quanto spesso lo facciano gli altri.

    "Questo può generare ansia da social networking negli adolescenti, la cui identità viene plasmata non dall’auto-esplorazione, ma dal modo in cui vengono percepiti dal collettivo on line", dice Turkle.
    Ciò che resta da vedere è come gli adolescenti riusciranno a gestire le amicizie ed il loro sviluppo tramite l’uso di Facebook e dei messaggi di testo, e in ultima analisi, come gli adolescenti di oggi si relazioneranno tra loro in età adulta, afferma Niobe Way, Psicologo Evolutivo.

    In uno studio del 2009 in Child Development, altri ricercatori hanno scoperto che, tra gli studenti delle scuole medie, sia americani che cinesi, il sostegno emotivo ottenuto da amici intimi ha potenziato l’autostima.
    Way, autore di "Deep Secrets” (2011), ha anche scoperto che i ragazzi adolescenti che si sentono supportati da loro amici hanno più probabilità di riuscita scolastica.

    Ma quanto il social networking spinge gli adolescenti a diminuire il loro tempo faccia a faccia con gli amici?

    "La letteratura indica che l'empatia e l'intimità sono promosse dalle relazioni faccia a faccia, dalla lettura delle emozioni sul viso dell’altro e dallo stare insieme fisicamente," dice Way, ma resta da vedere se ciò può davvero essere realizzato on line.
    "Sappiamo anche dalla letteratura sociologica che gli americani sono sempre meno empatici ed emotivamente più lontani”.
    Le amicizie on line possono anche diminuire le probabilità di creare nuove amicizie, cosa che può anche mettere in pericolo la salute psicologica e fisica dell’adulto.

    "E 'evidente che costruire legami e contatti reali ci aiuta a migliorare la nostra vita," dice Way. "Le amicizie sono fondamentali e non vengono prese abbastanza sul serio."

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente